La Terza commissione del consiglio regionale umbro, presieduta da Attilio Solinas, ha approvato la proposta di regolamento della Giunta regionale riguardante l’accreditamento istituzionale delle strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private. In favore hanno votato Solinas (misto-MDP), Rometti (SeR), Casciari e Guasticchi (Pd), mentre Maria Grazia Carbonari (M5s) si è astenuta.

É stato l’assessore regionale alla salute, Luca Barberini, a illustrare ai commissari il nuovo regolamento, che separa nettamente chi autorizza da chi accredita le strutture sanitarie. L’organismo tecnicamente accreditante, l’Otar, sarà interno alla Regione e non più esterno come adesso. Svolgerà un’istruttoria tecnica per verificare se le strutture pubbliche o private che richiedono l’accreditamento istituzionale siano conformi ai requisiti previsti dal regolamento quanto a diagnostica, servizi e area farmaceutica. Per ogni tipologia di struttura sono previsti requisiti specifici. Oltre alle procedure per la domanda di accreditamento, il regolamento prevede quelle di rilascio, diniego, sospensione, revoca e revoca volontaria.