“La Regione è impegnata nel migliorare la rete dei servizi a tutela dei minori. Abbiamo presentato i risultati del primo cantiere formativo in materia, che aveva l’obiettivo di favorire il dialogo tra il sistema sociale, sanitario, sociosanitario e quello della giustizia, chiamati ad intervenire sui minori, con la finalità di costruire un approccio condiviso, orizzontale e di ridurre i tempi di risposta. Ora apriamo un confronto con la rete dei servizi sociali e le zone sociali”: lo ha sottolineato l’assessore regionale Luca Barberini. Intervenuto alla Scuola umbra di amministrazione pubblica, alla riunione propedeutica all’avvio del secondo Cantiere formativo a tutela dei minori.

L’incontro, con i servizi sociali comunali e le zone sociali è stato aperto da Alberto Naticchioni, amministratore unico della Scuola. I lavori sono stati moderati da Claudia Matteini, consigliere di Corte d’Appello e Coordinatore del Tavolo integrato di confronto permanente su famiglia e minori.