“Il 25 aprile è la Festa della Liberazione nazionale dal nazifascismo, un evento che è patrimonio condiviso della nostra storia e della nostra cultura e che, a distanza di 72 anni, nessuno può o deve dimenticare, né tanto meno usare in maniera strumentale e divisiva”. Lo ha detto la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi, in occasione delle celebrazioni del 25 aprile.

“Una grande ricchezza – spiega la presidente Porzi – fatta di valori come la partecipazione, la solidarietà, la democrazia e la socializzazione, che devono essere la base della nostra Nazione, fin troppo caratterizzata da divisioni e contrapposizioni. Fermo restando i valori della memoria condivisa, le tragedie, i massacri e gli anni bui, è quanto mai necessario dunque superare qualsiasi divisione e uso strumentale della memoria e dei fatti, lavorando invece per l’unità e la coesione perché, come diceva il presidente della Repubblica Sandro Pertini, ‘è meglio la peggiore delle democrazie della migliore delle dittature’”.