Il Vicepresidente della giunta regionale dell’Umbria, Fabio Paparelli, ha espresso soddisfazione, anche a nome dell’ente, per il raggiungimento dell’accordo fra sindacati e Nestlè sulla Perugina. In particolare – ha spiegato – per l’accompagnamento e la tutela occupazionale dei lavoratori e delle lavoratrici nella fase di gestione degli esuberi voluti dalla multinazionale.

“Valutiamo di particolare importanza – ha sostenuto Paparelli – l’avere introdotto un ulteriore elemento di tutela per coloro che accetteranno la ricollocazione esterna, attraverso una specifica clausola di salvaguardia, così come l’amministrazione regionale apprezza il coinvolgimento dei rappresentanti sindacali con le aziende coinvolte nelle ricollocazioni e la disponibilità dimostrata dalla Nestlè a incrementare gli incentivi offerti ai lavoratori”.

“Auspichiamo – ha concluso il vicepresidente umbro – che l’accordo sia d’avvero propedeutico al rilancio di un’industria e di un marchio strategici per il settore agroalimentare della Regione e del Paese”.