Nuovamente rinviato il voto del Consiglio comunale di Terni sul riconoscimento del dissesto finanziario del Comune.

La seduta – cominciata con le dichiarazioni del sindaco Di Girolamo che ha confermato le dimissioni – è stata sciolta per mancanza del numero legale, vista la mancanza di sette consiglieri di maggioranza. Per il 17 febbraio alle 15.30 è convocata un nuova riunione, il cui esito sembra quasi certamente destinato a essere lo stesso. Alcuni consiglieri, sempre della maggioranza, hanno infatti già riconsegnato ai funzionari di palazzo Spada i loro badge personali.

Se dunque il Consiglio comunale non approverà il dissesto, la procedura verrà assunta dal commissario prefettizio nominato dal prefetto, Paolo De Biagi, dopo che saranno divenute irrevocabili le dimissioni del sindaco. Questo accadrà alla mezzanotte di lunedì. Quindi la nomina del commissario dovrebbe avvenire nella giornata di martedì. Le elezioni amministrative potrebbero così tenersi la prossima primavera.