Sono poco più di 12 i milioni di euro assegnati alla Provincia di Terni in base alla ripartizione dei fondi previsti dalla legge di bilancio. La cifra è stata resa nota nel corso del tavolo per le Province e le Città metropolitane in seno alla Conferenza Stato-Regioni, al quale ha partecipato il presidente dell’ente, Giampiero Lattanzi, insieme al dirigente finanziario. Sull’esito dei lavori il presidente esprime un giudizio sostanzialmente positivo sottolineando, tuttavia, così come dichiarato dal presidente dell’Upi nazionale, che l’accordo raggiunto “rappresenta un punto di partenza, pur non essendo ancora del tutto soddisfacente il risultato ottenuto”. Per la Provincia di Terni l’intesa prevede un totale di circa 4 milioni di euro per le spese correnti del 2018. Altri fondi riguarderanno il settore viabilità, sul quale per Terni sono previsti dal 2018 al 2023 complessivamente 8 milioni e 300 mila euro.

Lattanzi ricorda che “la partita sulle Province non è chiusa e che occorrerà continuare il dialogo con il governo per ottenere tutte quelle risorse in grado di mettere in sicurezza gli enti provinciali e garantire l’efficienza e la continuità dei servizi al cittadino”. Su questo punto, secondo il presidente, è confortante la disponibilità della ragioneria generale dello Stato a tenere aperto il tavolo di confronto sulla finanza provinciale. “E’ un segnale importante – conclude Lattanzi – che consentirà, non appena insediato il nuovo governo, di riaprire la trattativa”.