La presidente umbra Catiuscia Marini, ha sottoscritto le due proposte di legge di iniziativa popolare a sostegno “della maternità e paternità” e “dei disoccupati e dell’uscita anticipata dal lavoro” promosse dall’Unione italiana dei lavori agroalimentari, nel corso di un incontro che si è svolto a Palazzo Donini con il segretario regionale della Uila, Daniele Marcaccioli. La prima prevede misure per sostenere chi perde il lavoro con modifiche al Naspi, la nuova assicurazione sociale per l’impiego e chi, ad oggi, è escluso dall’Ape sociale, che si propone di estendere anche ai lavoratori stagionali, agli operai agricoli e ai lavoratori della pesca; l’altra per rafforzare le misure per padri e madri che lavorano, a sostegno dell’occupazione femminile e della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. “Sono due firme – ha detto la governatrice regionale – a sostegno dell’iniziativa del sindacato a livello nazionale volta all’aumento della qualità del welfare, nel Paese, su aspetti importanti”.