L’Umbria, insieme a Toscana e Marche, è pronta a chiedere al Governo ulteriori forme di autonomia delle Regione ai sensi dell’articolo 116 della Costituzione. La Giunta regionale, attraverso un documento predisposto dall’Assessorato alle riforme istituzionali, ha infatti avviato la discussione. L’intenzione – spiega l’esecutivo regionale – è quello di costruire un percorso condiviso e comune con Toscana e Marche, che potrà essere poi allargato anche al Lazio, e dunque di istituire un Tavolo di lavoro unitario per il confronto con il Governo.

“L’Umbria – ha spiegato l’assessore alle Riforme Antonio Bartolini – non ha bisogno e non vuole un aumento indiscriminato di competenze, ma una ‘autonomia selettiva’ al servizio di grandi obiettivi programmatici in cui si pone come territorio di eccellenza. Gli obiettivi su cui concentrarsi e da sottoporre ad un ampio dibattito con le istituzioni e forze sociali sono la grande bellezza, la leva del sapere, la salute, la protezione civile e la prevenzione sismica”.