“La Giunta regionale è determinata a garantire il ripristino della situazione precedente. Non si può non condividere la preoccupazione espressa perché il declassamento della polizia stradale umbra determina un ridimensionamento dello Stato nella nostra regione e un depauperamento del territorio”.

Lo ha detto l’assessore regionale Giuseppe Chianella rispondendo – durante l’odierno question time, in consiglio regionale – ad una interrogazione presentata da Attilio Solinas (Misto-MdP), in merito alla soppressione del Compartimento della Polizia Stradale per l’Umbria, attuato lo scorso 30 maggio, in forza di un decreto del Capo della Polizia, con attribuzione della competenza territoriale al Compartimento della Polizia Stradale per il Lazio con sede a Roma”. “La Regione Umbria – ha aggiunto Chianella – si attiverà in ogni sede come già fatto nel recente passato con iniziative che – nel caso degli uffici postali – hanno raggiunto importanti risultati”.