“Unanimità”, in consiglio regionale, sull’Ast di Terni. L’assemblea legislativa di Palazzo Cesaroni, ha infatti approvato – con voto unanime dei 13 consiglieri presenti – un documento, sottoscritto dai gruppi di centrosinistra e centrodestra – relativo alle dichiarazioni, rilasciate nei giorni scorsi ad una agenzia di stampa, del ceo di Tk, Hienrich Heisinger, che confermava il sito industriale ternano come “unico asset in vendita” dell’intero gruppo tedesco.

I rappresentanti del M5S, che avevano presentato una propria mozione, molto critica sui comportamenti industriali e ambientali della multinazionale tedesca, si è astenuto sulla parte iniziale, votando a favore di quella relativa agli impegni da sottoporre a giunta regionale e governo nazionale. L’assessore allo sviluppo economico, Fabio Paparelli, ha ribadito la richiesta, a Thyssenkrupp, di avere “un atteggiamento di maggiore rispetto e correttezza nei confronti dei livelli istituzionali umbri”.