La Regione ha destinato circa 4 milioni e 800 mila euro ai Comuni dell’Umbria per l’azione di mantenimento e rafforzamento dei servizi socio-educativi dell’infanzia. Lo ha annunciato l’assessore all’Istruzione Antonio Bartolini. “Vogliamo andare – ha spiegato – verso un sistema veramente integrato dei servizi di educazione e istruzione per le bambine e i bambini, dalla nascita sino a sei anni e per questo stiamo mettendo in campo tutti gli strumenti a nostra disposizione utilizzando sia i fondi nazionali che quelli del bilancio regionale”.

Contemporaneamente alla ripartizione dei fondi, la Giunta umbra ha anche definito la graduatoria, tra le 11 domande pervenute, per la costruzione di nuovi edifici per poli per l’infanzia innovativi (0-6 anni), indicando al Ministero i tre progetti (Guardea, Spoleto e Città di Castello) che potranno accedere ai fondi messi a disposizione dall’Inail che, per l’Umbria, ammontano ad oltre 2 milioni e 700mila euro.