I sindacati del pubblico impiego di Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato per domani, a partire dalle 9, un presidio davanti la sede della Provincia di Perugia, per protestare contro la situazione di estrema difficoltà delle Province e delle Città metropolitane in settori fondamentali come viabilità, edilizia scolastica, ambiente e polizia provinciale. Presente anche la Rsu della Provincia di Terni. I sindacati denunciano anche in Umbria “forti difficoltà di sostenibilità finanziaria di entrambe le Province, private non solo di risorse economiche, ma anche umane e strumentali, e che, nonostante l’esito del referendum, devono ancora fare i conti con una politica del governo che non tiene conto della “bocciatura” totale della riforma istituzionale. Una riforma – aggiungono le sigle sindacali – che non ha portato la tanto decantata riduzione delle spesa pubblica, ma solo disservizi ai cittadini a scapito del pubblico servizio, delle professionalità e competenze messe a disposizione dai dipendenti”.