Il Sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, ha comunicato una parziale redistribuzione delle deleghe tra gli altri membri della giunta. In particolare al vicesindaco Francesca Malafoglia welfare, servizi sociali, associazionismo, volontariato, edilizia pubblica, politiche e strumenti per la partecipazione, politiche comunitarie e fondi europei, diritti civili, affari generali, servizi demografici e statistici, semplificazione amministrativa, agenda urbana, innovazione p.a., ict, smart city.

All’assessore Emilio Giacchetti, ambiente, protezione civile, trasporti e mobilità, polizia municipale, sport, politiche giovanili, turismo e gestione delle aree turistiche, grandi eventi, progetto Unesco.

All’assessore Tiziana De Angelis, diritto allo studio, scuola e servizi educativi, servizi agli studenti, pari opportunità, politiche di genere, cultura e servizi culturali, città del cinema, istituto Briccialdi.

All’assessore Vittorio Piacenti D’Ubaldi, bilancio e finanze, patrimonio, risorse umane, commercio, artigianato, marketing territoriale, fiere.

Restano riservate al sindaco le deleghe su informazione e comunicazione – sicurezza urbana –– cooperazione internazionale – gemellaggi – sviluppo economico – agricoltura – programmazione strategica – politiche territoriali di area vasta – civiter –università – ricerca – alta formazione – sanita’ – igiene pubblica – aziende partecipate.

Due sono stati i criteri seguiti per la redistribuzione, ha specificato il sindaco Di Girolamo. “Il primo criterio ha riguardato l’omogeneità delle deleghe, anche rispetto agli uffici, alle esigenze delle imprese e dei cittadini”. “Ho poi fatto in modo che le deleghe riguardanti materie riferite all’inchiesta Spada siano gestite da assessori non coinvolti nell’inchiesta stessa”.