Regione dell’Umbria e Comune di Perugia, chiederanno al Governo un confronto nazionale con la Nestle’ sulla Perugina, “non sulla vertenza ma per ragionare tutti insieme, istituzioni, azienda e sindacati, su un accordo che non sia solo di efficientamento lavoratori-fabbrica ma possa mettere in campo strumenti d’investimento per ricerca e sviluppo, nuove politiche industriali e dia una prospettiva di nuova occupazione”. A dirlo, la presidente umbra, Catiuscia Marini, al termine del Tavolo che si è svolto quest’oggi in Regione. “Cosi’ che – ha aggiunto – quelli che oggi sono esuberi si traducano in una nuova possibilita’ di lavoro”. L’azienda si è detta disponibile al confronto nazionale ricordando che tra un anno finira’ la cassa integrazione, la quale “ha permesso di coprire le ore di lavoro non svolte”.