Nel pomeriggio, si è svolta, a Palazzo Spada, la seduta del consiglio comunale di Terni iniziata con la presentazione di una proposta di mozione di sfiducia da parte del gruppo consiliare del M5S nei confronti del sindaco e della giunta e di una proposta d’atto d’indirizzo presentata da Francesco Ferranti e sottoscritta dai consiglieri del gruppo di Forza Italia, con la quale, “considerato che l’amministrazione non può permettersi una situazione di stallo come quella causata dall’inchiesta in corso” si propone al consiglio d’impegnare sindaco e giunta a “fare un passo indietro”, rassegnando le dimissioni e consentendo così alla città “di tornare democraticamente alle urne”. Analoghe proposte sono state avanzate da rappresentanti dell’opposizione.