“Il piano pluriennale di riequilibrio finanziario discusso dal consiglio comunale è la migliore soluzione possibile a una situazione difficile, è un atto di responsabilità in quanto non consegna il bilancio al commissariamento e all’inasprimento di tutte le aliquote e le imposizioni fiscali. Questa Amministrazione Comunale si è fatta carico di un percorso difficile, coraggioso ma che non va a mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Nel dibattito in consiglio comunale abbiamo sentito tante critiche da parte delle opposizioni, ma nessuna, dico nessuna proposta alternativa”, dichiara l’assessore al Bilancio Vittorio Piacenti D’Ubaldi. “Il lavoro fatto in questi mesi – prosegue Piacenti – è stato fatto con grande scrupolo e attenzione, facendo emergere tutte le criticità possibili che hanno radici lontane, e di fronte a questa situazione ci siamo rimboccati le maniche affrontando lo stato delle cose e soprattutto trovando delle soluzioni, mettendo in campo una manovra che va a risanare il quadro economico del Comune di Terni. Una manovra che segue una procedura prevista dalla legge, utilizzata da tanti altri comuni. Abbiamo bloccato i principali rubinetti di spesa che, occorre dirlo, fanno parte di un retaggio del passato e che hanno interessato tutte le amministrazioni, compresa quelle guidate dal sindaco Ciaurro. Sono due anni che stiamo affrontando questa situazione, il piano non potevamo farlo prima perché non conoscevamo la reale situazione finanziaria dell’Ente, in quanto non conoscevano gli effetti delle nuove regole contabili che solo per gli accantonamenti obbligatori hanno imposto per il 2016 fondi per oltre 14 milioni di euro. Potevamo mettere delle toppe, nascondere sotto il tappeto la polvere, vivacchiare dal punto di vista contabile fino alla fine della legislatura, ma abbiamo scelto la strada di affrontare il problema alla radice, assumendoci l’onere di consegnare alle future generazioni un Ente con un bilancio finalmente risanato. Siamo convinti che ciò ci verrà riconosciuto a tempo debito e non si illudano le opposizioni, i cittadini di Terni sapranno distinguere tra chi, per meri calcoli politici, ha giocato allo sfascio e chi invece si è fatto carico della buona amministrazione”.

“Voglio ringraziare – aggiunge il sindaco Leopoldo Di Girolamo – tutti i consiglieri comunali che partecipano ai lavori del consiglio, che fanno sentire il loro sostegno a una manovra che vuol dare un futuro a questo comune e a questa città. Li ringrazio per il loro senso di responsabilità, per il loro onorare il mandato degli elettori, per il farsi carico dei problemi della comunità, anche in un clima non facile. Ritirarsi ora sarebbe non solo un tradimento del mandato elettorale ma un danno alla comunità ternana che vedrebbe meno l’azione amministrativa necessaria per cogliere le opportunità che questa Amministrazione, insieme al Governo e alla Regione, è riuscita a costruire nei mesi scorsi. Le opportunità dell’Area di crisi complessa, del Patto per lo sviluppo siglato con la Regione, di Agenda Urbana e dei fondi europei, possono essere colte e sono una risposta concreta alle aziende, ai cittadini, alle associazioni, a tutti colori che chiedono risposte concrete alle difficoltà di questa stagione”.