Il Sindaco di Terni Leopoldo Di Girolamo è intervenuto sulla bagarre scatenata dalle opposizioni, ieri pomeriggio, in consiglio comunale, opposizioni che hanno, poi, anche lasciato l’aula.

“In queste giornate complesse – sostiene il sindaco Leopoldo Di Girolamo – annovero anche l’amarezza per quanto avvenuto ieri in consiglio comunale. La conferenza dei capigruppo aveva deciso di far seguire un ampissimo dibattito alle comunicazioni che ho voluto dare alla massima assemblea cittadina sulla vicenda giudiziaria in corso. La minoranza avrebbe avuto un’ora e mezza di tempo – lo stesso tempo della maggioranza – per approfondire i temi portati in aula dalle mie comunicazioni. Un confronto pubblico tra maggioranza e opposizioni, tra consiglieri comunali, tra amministratori pubblici. Una dialettica politica chiara e trasparente. In maniera sorprendente, invece, le opposizioni, anche se con motivazioni e con stili diversificati, hanno abbandonato l’aula sottraendosi ad ogni confronto, approfondimento, sui temi della legalità, della corretta azione amministrativa, del garantismo, dei ruoli diversi dei poteri dello Stato. Un atteggiamento – aggiunge Di Girolamo – che desta meraviglia in particolare da parte di quelle forze politiche che su questi temi hanno speso una parte consistente della loro storia e che a più riprese si sono dette rispettose delle procedure e del diritto alla presunzione di innocenza. Ancora meno rispettosi del confronto civico i gesti teatrali, le provocazioni, le fiction utilizzate a favore della migliore inquadratura. Non mi soffermo e non mi addentro su alcune di quelle mani che sorreggevano i cartelli. Il dato politico è che si evita il confronto in aula e si affida agli schiamazzi, alle accuse gratuite appena fuori l’emiciclo. La città non ha bisogno di queste sceneggiate – aggiunge Di Girolamo – Terni ha bisogno della ricerca della verità, di una amministrazione corretta ed efficace, di una opposizione seria e responsabile. Tutto il resto serve solo ad indebolire la città, a paralizzare i suoi servizi, a rendere più incerta e difficile la vita di tanti cittadini. Chi aspira legittimamente al governo della città – ha concluso il sindaco – dovrebbe non perdere occasione per far sentire la sua proposta alternativa, se invece si preferisce seminare l’aula del consiglio comunale di giocattolini si dà il senso di un mondo dei balocchi molto, molto distante dai problemi della nostra comunità”.