Con 17 voti favorevoli, quelli di Partito Democratico, Socialisti e Riformisti, Ricci presidente, Forza Italia e Fratelli d’Italia e 4 contrari (Movimento 5 Stelle e Lega Nord), l’Assemblea legislativa di Palazzo Cesaroni ha approvato il disegno di legge della Giunta regionale che prevede ‘modificazioni e integrazioni al ‘Testo unico in materia di commercio’, come emendato dalla Seconda Commissione. Il dibattito in Aula si è in particolare sviluppato in merito al superamento del limite massimo delle grandi superfici, che era invece fissato in 15mila mq per le strutture alimentari e 20mila per quelle miste.

Limite che verrà comunque definito ed organizzato all’interno del regolamento attuativo che verrà posto all’attenzione e all’analisi della stessa Commissione consiliare e quindi dell’Aula, entro il 28 febbraio 2017. Verrà anche mantenuta la conferenza di servizi per le strutture di maggiori dimensioni. Abrogato, invece, l’Osservatorio regionale del commercio.