La Terza Commissione dell’Assemblea legislatiova dell’Umbria, si è riunita ieri, presso l’ospedale Santa Maria di Terni, per parlare delle criticità e delle proposte per il futuro dell’Azienda ospedaliera ternana. All’incontro erano presenti il direttore generale Maurizio Dal Maso, il direttore sanitario Sandro Fratini, quello amministrativo Riccardo Brugnetta ed i capi dipartimento del nosocomio.

Dagli interventi dei vertici della struttura ospedaliera è emerso, tra l’altro, come il lavoro portato avanti negli ultimi anni abbia consentito di raggiungere l’equilibrio di bilancio, con l’incremento delle attività e buoni risultati per quanto riguarda gli indicatori di efficienza, la mobilità attiva tanto a livello regionale quanto a livello interregionale, la riduzione dei tempi di pagamento dei debitori.

Il direttore Dal Maso, in particolare, ha sottolineato che “l’azienda è solida dal punto di vista finanziario e di competenze professionali. Sta procedendo il lavoro di riqualificazione della struttura con importanti interventi di edilizia sanitaria e si sta lavorando su spostamenti e accorpamenti di reparti, ma anche sull’innovazione organizzativa e sulla valorizzazione del personale, priorità emerse anche dall’indagine di clima che è stata fatta per la prima volta in questa azienda. L’obiettivo – ha aggiunto – è quello di far lavorare i dipartimenti in maniera integrata, partendo dalle punte di eccellenza presenti e dalle buone capacità di performance sulle medie prestazioni. Interessante anche definire la prospettiva di un ospedale di insegnamento, grazie all’integrazione con l’università”.

Al termine dell’audizione i commissari hanno svolto una visita al reparto di riabilitazione intensiva neurochirurgica, al polo urologico e al servizio di radioterapia oncologica dove è in fase di allestimento il nuovo acceleratore lineare.