L’Assemblea legislativa dell’Umbria, ha rinviato – all’unanimità – in Commissione (Seconda e Terza) due proposte di legge di iniziativa popolare presentate nel corso della IX Legislatura.

La prima riguarda “le norme per la disciplina della ricerca, della coltivazione e dell’utilizzazione delle acque minerali, di sorgente e termali”, sulla quale importanza degli approfondimenti di natura tecnica si sono espressi alcuni consiglieri di diverso schieramento.

L’altra proposta legislativa popolare, rinviata in Terza Commissione, prevede invece “ulteriori modificazioni alla legge regionale ’18/2012′, sull’ordinamento del sistema sanitario umbro”. La legge in questione, su cui vengono proposte modifiche, è stata nel frattempo ricompresa nel Testo unico della sanità.