Il programma dei lavori della ‘Commissione speciale per le riforme statutarie e regolamentari’, che lavorerà per 30 mesi alle modifiche necessarie per aggiornare Statuto regionale e regolamento dell’Assemblea legislativa umbra, è stato illustrato all’Aula dal presidente Silvano Rometti.

L’impegno dell’organismo consiliare, prevede “approfondimenti, con focus tematici, sugli aspetti della riforma costituzionale che sarà sottoposta a referendum e su quella istituzionale relativa alle macroregioni; la valutazione delle singole norme statutarie per considerare eventuali interventi correlati alle riforme costituzionali; l’esame delle disposizioni del regolamento interno dell’Assemblea legislativa per verificare la sua effettiva aderenza alle norme statutarie e la sussistenza di eventuali difetti applicativi; la verifica della legislazione attuativa dello Statuto, individuando eventualmente materie specifiche sulle quali concentrare l’attenzione, anche per migliorare l’applicabilità e la funzionalità dei testi legislativi.

“L’auspicio – ha detto Rometti – è che in questa Commissione si possa svolgere un lavoro comune, unitario, perché le regole – ha aggiunto – si fanno insieme, superando la logica di maggioranza e di opposizione”.

Tra le priorità in agenda ci sono la valutazione su Statuto e Regolamento consiliare, l’analisi sugli effetti delle riforme costituzionali e istituzionali, l’approccio unitario a riforme che migliorino applicabilità e funzionalità dei testi legislativi.