L’assessore regionale alla caccia, Fernanda Cecchini, ha illustrato ai membri della Terza commissione consiliare dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, il nuovo calendario venatorio per la stagione 2016-2017. “Ripercorre – ha spiegato la Cecchini – scelte già sperimentate negli anni precedenti, con la soddisfazione dei cacciatori e nel rispetto delle normative nazionali. La preapertura è prevista per l’1 settembre, seguita da due mezze giornate nelle due domeniche successive, il 4 e l’11 settembre. L’apertura ufficiale, come prevede la legge, è prevista nella terza domenica di settembre, il giorno 18”.

Domani, martedì 24 maggio, alle ore 15, su richiesta del capogruppo della Lega Nord, Emanuele Fiorini, ci sarà l’audizione delle associazioni venatorie. Il giorno seguente, mercoledì 25 maggio, la commissione darà il proprio parere sul documento.

“Prima di approvare il testo – ha spiegato il rappresentante della lega – appare opportuno riunire in audizione i diretti interessati, ovvero le associazioni venatorie, e decidere con loro alcuni parametri fondamentali per la corretta gestione di una materia che coinvolge migliaia di appassionati e sportivi”. Fiorini ha inoltre spiegato di ritenere necessaria la discussione di un’azione di ripopolamento, da attuare con il coinvolgimento delle associazioni”.

Il Presidente della terza Commissione regionale, Attilio Solinas, ha riferito all’assessore alcune istanze provenienti da alcune associazioni venatorie, riguardanti la possibilità di anticipare l’apertura al 19 giugno 2016 per la caccia di selezione e prevedere l’addestramento dei cani anche nei giorni 29 agosto e 3 settembre 2016. Altra problematica rilevata riguarda il nuovo regolamento per la caccia al cinghiale, “a seguito delle difficoltà oggettive e rilevanti che l’applicazione dello stesso sta comportando per la riassegnazione dei settori da parte degli Ambiti territoriali di caccia – scrivono le associazioni – si chiede di prorogare l’applicazione del regolamento in vigore”.