Diminuisce, a Terni, il numero dei reati. Il dato fatto registrare nei primi due mesi del 2016 è, infatti calato del 14%, con particolare riferimento ai furti in abitazione, agli scippi e alle rapine. Lo ha detto il Sindaco, Leopoldo Di Girolamo, nel corso del dibattito che l’assemblea municipale di Palazzo Spada ha dedicato – lunedi scorso – al complesso argomento della sicurezza. Il primo cittadino ternano ha citato i numeri emersi durante l’ultima riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza, rispondendo ad un paio di interrogazioni presentate dai consiglieri del Pd Valeria Masiello e Sandro Piccinini sui furti nella zona di Marmore e del consigliere di Fratelli d’Italia Marco Celestino Cecconi sul tema delle misure per la sicurezza.

Rispetto al patto per la citta’ sicura, siglato nel febbraio dell’anno scorso, il Sindaco ha spiegato al Consiglio gli interventi realizzati sottolineando, come, il programma 2015 previsto nell’accordo condiviso “per Terni città sicura” sia stato in larga parte realizzato.

“Per la videosorveglianza – ha detto Di Girolamo – Terni resta sopra la media nazionale e prima in Umbria. Sono state posizionate e sono ora in funzione cinque nuove telecamere, in via Tre Colonne-via del Pozzo; piazza Solferino; piazza dell’Olmo; via Fratini ed piazza della Repubblica-corso Tacito. Ora sono stati finanziati ulteriori 200 mila euro per l’attivazione di altre 16 telecamere (due fisse e 14 rotanti) che saranno posizionate nelle postazioni indicate dal Comitato per l’ordine e la sicurezza, anche sulla base delle segnalazioni dei cittadini”.

Per quel che riguarda le dotazioni a disposizione della Polizia Municipale e rispetto agli impegni contenuti nel patto, il primo cittadino ternano ha ricordato che sono stati acquistati 80 spray al peperoncino, 88 paia di guanti antitaglio e antiperforazione, 6 giubbotti antitaglio e antiproiettile. Sul parco mezzi, Di Girolamo ha informato che è stata completata la ricognizione del quadro delle offerte e che mercoledì la giunta delibererà il via libera all’acquisizione degli autoveicoli (ibridi), del furgone per la rilevazione degli incidenti e delle bici a pedalata assistita da mettere a disposizione del corpo della Polizia Municipale.

Per quel che riguarda il personale il Comune ha effettuato la comunicazione per la copertura di quattro posti attraverso le procedure della mobilità riguardante gli agenti delle polizie provinciali collocati in esubero.

Nel frattempo la Polizia Muncipale ha incentivato i propri servizi facendo registrare un +30% dei controlli su strada, +35% per quelli sulla guida in stato di alterazione, +42% nei controlli sui pubblici esercizi, specialmente nelle ore notturne. Aumentato, inoltre, il numero delle espulsioni di cittadini irregolarmente presenti nel territorio comunale. Sono 60 quelle messe in atto nei primi due mesi del 2016.