Stato di agitazione di tutto il personale dei Servizi Educativi del Comune di Terni. Lo ha deciso l’assemblea dei lavoratori chiedendo anche il ritiro della Delibera n. 25 del 24 febbraio scorso e la convocazione di un Tavolo comprendente tutte le parti coinvolte nella riorganizzazione dei Servizi. Dalla delibera, si legge in una nota, risulta evidente, precisa e dettagliata, la volontà dell’Amministrazione di depotenziare qualitativamente e quantitativamente l’offerta delle scuole dell’infanzia comunali, a fronte dell’assenza di un progetto di ampliamento dei servizi per bambini della fascia di età 0-3 anni, con l’aggravante dei continui riferimenti ai servizi educativi privati. Inoltre, prosegue la nota, mentre per la riorganizzazione del servizio di refezione scolastica, nella Delibera in questione si istituisce un Gruppo di Lavoro misto, per i Servizi Educativi si prefigura l’ennesima riorganizzazione effettuata senza alcun percorso di partecipazione con il personale e con le famiglie che ne usufruiscono.