Misurare meglio i progressi sociali, non limitandosi all’uso esclusivo del Prodotto interno lord. Anzi, andare oltre il Pil per poter definire, con maggiore aderenza alla realtà di un dato territorio, il suo reale sviluppo economico. Criteri aggiuntivi e complementari al Pil potrebbero essere, ad esempio, quelli in grado di rilevare gli aspetti ambientali ed energetici dei vari Paesi, i tassi di occupazione e disoccupazione, oppure i dati relativi alla produttività, agli investimenti in ricerca e innovazione, o ancora lo stato dell’inclusione sociale in riferimento al numero di persone a rischio povertà e la distribuzione del reddito. È quanto si propone il parere “Indicatori per lo sviluppo territoriale. Oltre il Pil”, approvato dal Comitato delle Regioni d’Europa, di cui è stata relatrice la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini. La presidente, illustrando il parere, ha sostenuto la necessità di un approccio multidimensionale per misurare la qualità della vita: “la sfida politica generale – ha detto – è quella di definire un metodo più appropriato e universale di misurare il progresso che comprenda gli aspetti economici, sociali e ambientali. Ritengo opportuno sottolineare che per prendere le decisioni giuste è infatti necessario ‘conoscere’ e ‘ciò che misuriamo ha effetti su ciò che facciamo’. Vi è infatti uno stretto legame tra misurazione, percezione e azione, le scelte politiche vanno prese con lungimiranza, sulla base di valori sociali ampiamente condivisi. Tutto ciò, se volessimo riferirci all’Umbria, significherebbe poter contare su quote maggiori di fondi europei da destinare per esempio all’innovazione, all’internazionalizzazione delle imprese, all’export. Oppure, per ciò che riguarda le politiche per il lavoro, avere misure che siano in grado di favorire il riassorbimento o la prima occupazione di lavoratori con alta qualificazione o specializzazione”. La presidente Marini si è quindi detta convinta che “l’assegnazione dei fondi strutturali, compreso il fondo di coesione nel prossimo periodo finanziario pluriannuale, non debba basarsi unicamente sul Pil pro capite. Ecco perché il Comitato delle Regioni d’Europa ha deciso di esprimersi con un parere d’iniziativa su questo tema proprio per definire la posizione delle Regioni e delle autorità locali europee, anticipando l’inserimento di questo tema nel dibattito sulla futura politica di coesione post 2020 e per chiedere formalmente alla Commissione Europea di esprimersi a tale proposito”.

Un’iniziativa che ha incontrato il favore della Commissaria alle politiche regionali Corina Cretu, intervenuta ai lavori del Cdr e che, nel corso del suo intervento sulle nuove politiche di coesione dell’Unione Europea che devono mettere al centro sempre di più i territori e le realtà regionali grazie ad un partenariato più concreto, ha espressamente fatto riferimento “al positivo lavoro di Catiuscia Marini che con il parere approvato chiede di valutare la necessità di assumere nuovi criteri per la distribuzione delle risorse comunitarie, non limitandosi, come avviene ora, all’utilizzo del solo Pil pro capite”.

Le Regioni europee chiedono alla Commissione europea e all’Eurostat di fissare un calendario per coinvolgere gli enti locali e regionali nel processo di definizione degli obiettivi e fornire le statistiche regionali necessarie per definire, attuare, monitorare e valutarela strategia Europa 2020 rinnovata, stabilendo obiettivi differenziati in funzione del territorio.