Una interrogazione a risposta immediata per conoscere le azioni che la giunta umbra intende intraprendere per gli interventi relativi agli edifici privati di alcuni comuni del ternano lesionati dal sisma del 16 dicembre 2000. L’ha presentata il capogruppo dei Socialisti e Riformisti in consiglio regionale, Silvano Rometti, che spiega come gli edifici danneggiati siano 6: 3 ad Avigliano Umbro; 1 ciascuno a Giove, Narni e Stroncone. “Si tratta di strutture private – aggiunge – ricomprendenti unità immobiliari destinate ad abitazione principale, dichiarati totalmente inagibili. L’importo complessivo dei contributi spettanti agli aventi diritto è di circa 1 milione e 153 mila euro”.

Rometti ricorda che la Giunta regionale “con una deliberazione del 24 gennaio 2011, aveva approvato il piano stralcio degli interventi per i sei edifici in questione stanziando la somma di 342.778,14 euro. Con successivo atto (del 27 aprile 2011) erano stati poi assegnati ulteriori 62.384 euro, portando a complessivi 405.162 euro le somme messe a disposizione. I fondi fino ad oggi destinati dalla Giunta regionale per gli interventi in argomento – precisa Rometti nell’interrogazione – costituiscono il 35% dei costi ritenuti ammissibili”.