Con 18 voti a favore ed 8 contrari, il Consiglio comunale di Terni ha approvato – nella seduta di ieri – l’atto proposto dalla giunta sul nuovo assetto della società Terni Reti srl, sul nuovo statuto e sul piano industriale.

Il provvedimento è stato duramente criticato dalle opposizioni, mentre per l’assessore Vittorio Piacenti D’Ubaldi, l’atto “non è un atterraggio d’emergenza, ma un’operazione con una valenza industriale significativa. E’ chiaro – ha spiegato D’Ubaldi – che si è tenuto conto delle necessità di difesa dei livelli occupazionali e proprio per questo si è ipotizzato uno schema di protocollo con le organizzazioni sindacali di categoria che poi dovrà essere esplicitato in un vero e proprio accordo con i soggetti interessati”.

Piacenti D’Ubaldi ha anche detto che sulla riconciliazione crediti-debiti si cercherà di rispettare l’impegno entro la fine dell’anno.