“Si” unanime, della Prima Commissione dell’assemblea legislativa dell’Umbria, alla proposta di regolamento della Giunta regionale che dispone le modalità per l’applicazione della moratoria ed i termini di rientro dei versamenti dovuti per l’anno 2016 per i contributi di tutela dell’ambiente in materia di attività estrattive.

L’assessore regionale Fernanda Cecchini, presente alla seduta della Commissione, ha spiegato che “il provvedimento tiene conto del perdurare della crisi che sta colpendo anche le imprese umbre e in particolare il settore dell’edilizia, che non sembra riuscire a ripartire. Il regolamento – ha aggiunto – era già stato approvato nel 2014 ma era entrato in vigore dopo la scadenza del pagamento. Quindi la gran parte dei proprietari delle cave non hanno potuto usufruirne. Per questo – ha concluso la Cecchini – visto che la legge prevede due anni di moratoria, abbiamo esteso la possibilità di usufruirne anche al 2016”.