Abbattimento del tasso di CO2 del 20% entro il prossimo 2020. E’ l’obiettivo che si pone il Comune di Narni dopo aver terminato, proprio in questi giorni, la stesura del Paes, il Piano d’azione per l’energia sostenibile, del quale si sono stabilite le buone pratiche per passare dalle circa 7,16 tonnellate pro-capite di CO2 del 2010 (6,87 per produzione e consumo energia + 0,29 per produzione e gestione rifiuti), alle 5,73 tonnellate di CO2 nel 2020.

Un risultato, precisa l’amministrazione di Palazzo dei Priori, che comporterà una riduzione di 1,4 tonnellate annue.

“La definizione del Paes – hanno spiegato il sindaco di Narni Francesco de Rebotti e l’assessore comunale all’Ambiente Alfonso Morelli – è frutto di un lavoro che ha coinvolto il Comune, Legambiente Umbria, Alleanza per il Clima, molte aziende e tanti cittadini”.

Consultazioni, modifiche e integrazioni sono possibili fino al 21 agosto dopodichè il documento verrà portato in Consiglio comunale per l’approvazione. Integrazioni e modifiche possono essere inviate a paesnarni@gmail.com.