Sono 1.012 seggi elettorali (716 in provincia di Perugia e 296 in quella di Terni) in cui domani, domenica 31 maggio, dalle 7 alle 23, i 705.819 elettori umbri aventi diritto al voto potranno esprimere la propria preferenza per eleggere il nuovo presidente della giunta regionale ed i 20 consiglieri che formeranno l’Assemblea legislativa regionale della decima legislatura (che va dal 2015 al 2020) in base alla nuova legge elettorale regionale, la numero 4 entrata in vigore il 23 febbraio scorso.

Gli elettori sono 521.764 in provincia di Perugia (251.536 uomini e 270.228 donne) e 184.055 in quella di Terni (88.103 uomini e 95.952 donne).

Scendendo ulteriormente nel dettaglio, gli aventi diritto al voto nel comune di Perugia sono 126.658 (60.168 uomini e 66.490 donne), a Terni sono 88.424 (41.768 uomini e 46.656 donne).

Otto i candidati alla Presidenza della regione dell’Umbria che si sfideranno nella competizione elettorale, mentre le liste loro collegate sono, invece, complessivamente sedici.

La presidente uscente Catiuscia Marini, avrà il sostegno di quattro liste (Umbria piu’ uguale-Sinistra ecologia liberta’-La sinistra per l’Umbria; Socialisti riformisti Territori per l’Umbria; Partito democratico; Iniziativa per l’Umbria Civica e Popolare;

Claudio Ricci, sarà sostenuto da sei liste (Ricci Presidente, Per l’Umbria Popolare con Ricci, Cambiare in Umbria con Ricci, Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale-Ricci Presidente, Lega Nord e Forza Italia;

Amato John De Paulis sarà il candidato di Alternativa riformista;

Simone Di Stefano, riceverà l’appoggio della lista Sovranita’ prima gli Italiani;

Aurelio Fabiani, sostenuto da Casa Rossa-Partito Comunista e dei Lavoratori;

Andrea Liberati, del Movimento 5 stelle;

Fulvio Carlo Maiorca di Forza Nuova;

Michele Vecchietti candidato della lista l’Umbria per un’altra Europa.