La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, è stata eletta oggi, a Bruxelles, presidente del gruppo del PSE, il Partito socialista europeo, del Comitato delle Regioni d’Europa, di cui è membro effettivo. Nella precedente legislatura era vicepresidente del gruppo Pse.

La Marini si è detta onorata per la fiducia riservatale dal gruppo ed ha sottolineato di aver assunto l’incarico con spirito di responsabilità, consapevole del particolare impegno che richiederà.

“La questione più importante dell’Agenda europea – ha affermato – è senza dubbio quella relativa alla politica economica dell’Unione che la nuova Commissione è chiamata a realizzare. Essa ha un rilievo importantissimo perché incide anche sulle Regioni e le Città. Altrettanto importanti sono le questioni relative alla Grecia, al tema della sicurezza con la drammatica vicenda dell’Ucraina che impone all’Unione europea di svolgere un ruolo di primo piano per scongiurare derive devastanti per la pace nel nostro continente. Accanto a questi temi c’è poi anche quella della sicurezza e delle politiche di integrazione”.

La Governatrice umbra ha poi sottolineato come Regioni e Comuni debbano poter far sentir più forte la loro voce in ambito europeo. “Per questo – ha aggiunto – lavorerò affinché il Comitato delle Regioni possa accrescere il suo peso nei processi decisionali dell’Unione europea”.

Tra gli impegni della presidente, l’attuazione della nuova programmazione comunitaria 2014-2020 e del piano di investimenti Juncker.