La Prima commissione del consiglio regionale dell’Umbria, ha approvato il disegno di legge sulle “Modificazioni ed integrazioni di leggi regionali e altre disposizioni in materia di personale regionale, attività estrattive, valutazione di impatto ambientale, sistema amministrativo regionale e autonomie locali, Agenzia forestale regionale”, predisposto dall’Esecutivo di Palazzo Donini.

Il provvedimento, discusso e votato alla presenza dell’assessore Fabrizio Bracco, ha ricevuto i 6 voti favorevoli di Pd, Idv e Prc e l’astensione di Udc, Up-Ncd e Fratelli d’Italia.

Il documento prevede modifiche sulle norme per il pensionamento del personale regionale (non ci saranno più deroghe oltre il compimento del 65esimo anno di età, se è stato raggiunto il limite minimo di anni di servizio); riduzione delle indennità percepite dal personale regionale che lavora negli uffici di Bruxelles; ulteriore sospensione del pagamento dei diritti di cava per le aziende che non hanno usufruito della moratoria in vigore per il 2014; autorizzazione alla stipula di convenzioni tra Adisu e Agenzia forestale per l’utilizzo di personale proveniente dalle Comunità montane.

In aula i relatori saranno Luca Barberini (Pd) per la maggioranza e Massimo Monni (Up-Ncd) per l’opposizione.