La seconda Commissione del Consiglio regionale ha dato il via libera definitivo al Testo unico per il ‘Governo del territorio e materie collegate’.

A favore hanno votati i consiglieri Chiacchieroni e Barberini(Pd), Nevi e Rosi (Forza Italia), Mantovani (Up-Ncd) e De Sio (FDI) mentre si è astenuto Goracci (Cu).

Il provvedimento andrà a breve in Aula per il voto e in seguito la Giunta regionale emanerà i regolamenti attuativi della legge.

Il documento, grazie al quale verranno abrogate 17 leggi regionali, riduce di oltre la metà il complesso normativo in materia (da circa 600 a 293 articoli) e si pone come obiettivo – si legge in una nota di palazzo Cesaroni – quello di ottimizzare i procedimenti edilizi ed urbanistici, riducendo tempi e costi, favorendo anche l’applicazione di servizi telematici.

Tra gli altri obiettivi, quello di rafforzare le norme in materia di riqualificazione e rigenerazione urbana, anche incentivando il sistema delle premialità.

Nel settore della pianificazione vengono confermate la disciplina di tutela e valorizzazione del territorio regionale, dando piu” efficacia ai contenuti e all”azione dei vari strumenti, finalizzando le scelte alla riduzione del consumo di territorio.