Presentata, presso la sede dell’assemblea legislativa umbra di Palazzo Cesaroni, la proposta di legge elettorale regionale del gruppo consiliare di Umbria popolare-Nuovo centrodestra.

Le sue caratteristiche sono state illustrate dal capogruppo Massimo Mantovani e dal consigliere Massimo Monni. Si parte dal DOPPIO TURNO, per l’elezione diretta del presidente della Giunta regionale, in caso di non superamento nel primo della soglia del 40 per cento; due CIRCOSCRIZIONI ELETTORALI, coincidenti con il territorio delle due Usl; VOTO DISGIUNTO; PREFERENZA UNICA; SOGLIA DI SBARRAMENTO al 3 per cento; nella composizione delle liste ciascun GENERE dovrà essere rappresentato per almeno il 40 per cento.

Mantovani ha evidenziato che tutte le altre forze del centrodestra esprimono sul documento, “condivisione sostanziale, seppure con alcuni distinguo”.