Passa, a maggioranza, il disegno di legge che detta, in Umbria, “norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo patologico”.

Ad approvarlo, con 20 voti favorevoli, uno contrario e 4 astensioni, è stato il consiglio regionale nella sua ultima seduta.

Il testo varato dall’aula di Palazzo Cesaroni, è il risultato di tre differenti proposte aventi come tema comune il contrasto al gioco d’azzardo: la prima redatta da Sandra Monacelli (Udc), la seconda da Oliviero Dottorini (Idv) e la terza dai consiglieri Franco Zaffini, Alfredo De Sio, Andrea Lignani Marchesani (FdI) unitamente a Massimo Mantovani, Massimo Monni (Ncd) e Maria Rosi (FI).

Le finalità della legge sono quelle di prevenire l’insorgere di dipendenza da gioco e contrastare il gioco d’azzardo patologico, sostenendo le persone affette da tale patologia e le loro famiglie attraverso un aiuto da parte delle strutture sanitarie, l’istituzione di un numero verde per segnalare le problematiche, il coinvolgimento e la formazione di associazioni e operatori del settore, l’informazione estesa a cominciare dalle scuole, la distanza di almeno 500 metri delle nuove sale da gioco da scuole, centri per anziani e altre strutture vulnerabili.

Molto discussa prima dell’avvio della trattazione di questo punto all’ordine del giorno la norma finanziaria, che prevede una dotazione di 120mila euro, e che non può quantificare con esattezza l’entità sia degli sgravi fiscali (meno 0,92 per cento dell’aliquota Irpef per i gestori che rinunceranno alle slot machine, potendo fregiarsi anche del marchio no-slot) che degli aggravi (più 0,92) per chi le installa. I consiglieri Valentino e Nevi (FI) hanno paventato possibili rilievi della magistratura contabile sulla non precisa quantificazione delle somme e quindi degli eventuali oneri spettanti alla Regione, mentre i consiglieri Dottorini, Brutti (Idv) e Monacelli (Udc) hanno chiesto di evitare qualsiasi rinvio che potesse ostacolare l’approvazione di un atto definito fondamentale. Dopo una verifica richiesta agli uffici, il presidente dell’Assemblea legislativa, Eros Brega, ha dato il via libera per la relazione in Aula sull’atto.