I soci della Fondazione Umbria Jazz si sono riuniti per l’approvazione del bilancio 2019, che segna una forte perdita pari a 261.000 euro, che amplifica quella già registrata nel 2018, di 163.000 euro (coperti dal fondo di gestione).

Le perdite sono sopportate dal cosiddetto Fondo di dotazione (il capitale sociale aziendale) che risulta pari a 21.000 euro. La Regione, socio di maggioranza, ha chiesto approfonditi chiarimenti in merito agli ultimi due esercizi che rischiano di mettere a repentaglio lo storico brand umbro.

I soci, approvato il bilancio consuntivo 2019, l’assorbimento della perdita e il piano di risanamento 2020, hanno confermato i contributi alla manifestazione nonostante l’edizione ridotta a causa del Covid. Proprio questa azione straordinaria porterà, secondo il piano di risanamento, un avanzo 2020 di quasi 470.000 euro che andrà completamente a ricostituire ed incrementare il fondo di dotazione esistente, presentandosi così all’appuntamento 2021 con una manifestazione di grande valore internazionale.