Punta ad essere il più “corposo e articolato” cartellone di black music, nella sua accezione più vasta, organizzato a livello nazionale nel periodo pasquale, la seconda edizione di Umbria Jazz Spring, in programma a Terni dal 18 al 22 aprile prossimo.

Una manifestazione che quest’anno si fa in quattro, proponendo jazz, gospel, soul e blues. Oltre gli 60 eventi – la gran parte ad ingresso gratuito – e 100 artisti.

La presentazione del cartellone, è avvenuta questa mattina, a Palazzo Montani Leoni, sede della Fondazione Carit, che ha contribuito alla realizzazione della kermesse organizzata dalla Fondazione di partecipazione Umbria Jazz con il sostegno della Regione Umbria.

Dena De Rose Quartetto, Flavio Boltro BBB Trio (con Mauro Battisti e Mattia Barbieri), Modalità Trio (con Nico Gori, Massimo Moriconi ed Ellade Bandini), Duet (ancora Moriconi e Emilia Zamuner) i concerti in programma nei club del centro città, mentre nel Santuario di San Francesco si esibirà il Virginia State Gospel Choir in ‘Gospel at its best’. Al Caos saranno di scena invece i Licaones, The New Orleans Mystics, Anat Cohen Tentet, il Roosevelt Collier Quartet, i Quintorigo e Thornetta Davis. Non mancherà l’appuntamento con la street parade dei Funk Off.

“Quest’anno – ha commentato il patron di Umbria Jazz, Carlo Pagnotta – ci sarà da divertirci, con musica di classe e per tutti i gusti. Ho insistito di nuovo per far tornare il festival nel periodo pasquale perché ricordo il successo negli anni ’90 e dobbiamo ritornare ad averlo”.