L’Istituto superiore di studi musicali Briccialdi di Terni ha istituito per l’anno accademico 2014/2015, nel contesto di un più ampio programma per interventi di formazione allargata e permanente, vari corsi liberi. Il direttore dell’istituto Gabriele Catalucci ha manifestato la sua soddisfazione per l’apertura di un Anno Accademico che vede i corsi avviarsi a pieno regime, a fronte di richieste ed esami di ammissione molto affollati, che riconfermano i numeri della popolazione scolastica, nonostante un quadro nazionale non positivo, come invariata al Briccialdi, sia per la fascia accademica che per quella pre-accademica. Ampio è anche il bacino di provenienza degli studenti iscritti, che arrivano da varie regioni italiane, come Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Piemonte e Lombardia, Toscana e Lazio. A questi si aggiungono gli studenti stranieri, realtà assai significativa in percentuale, proveniente da Libano, Libano; Giappone; Stati Uniti; Cina; Taiwan; Corea; Costa d’Avorio; Repubblica Ceca, Finlandia; un chiaro segnale dell’apprezzamento per l’alta qualità del lavoro svolto dagli oltre cinquanta docenti dell’Istituto.

In questo quadro si inserisce anche la costante crescita dei partenariati Erasmus (i cui studenti in mobilità vanno ad aggiungersi a quelli già citati), così come canali specifici attualmente in fase di definizione, come quelli con la Cina, per il tramite della Regione dell’Umbria, o con la Costa D’Avorio. Il Direttore ha poi illustrato le novità in corso o di prossima attivazione: la rassegna “I Concerti del Sabato”, organizzata in collaborazione con la Fondazione Carit; la prossima apertura dei Corsi liberi e laboratori offerti a chi voglia praticare repertori e strumenti al di fuori del percorso accademico-professionale; la pubblicazione del primo CD della Big Band dell’Istituto, registrato nello scorso mese di luglio.