“In questa prima parte del 2021 il mercato delle compravendite immobiliari a Terni è caratterizzato anche da un cauto ottimismo su quelle che saranno le prospettive della Città dell’acciaio”: è uno degli elementi contenuti nel Report numero 13 della Borsa immobiliare dell’Umbria incentrato sul mercato degli immobili nella provincia di Terni. Lo studio è stato redatto e presentato da Luigi Gentile, agente immobiliare accreditato presso la Borsa immobiliare della Camera di commercio dell’Umbria.

Anche il mercato ternano – si sottolinea nel Report – in riferimento alle compravendite, è stato condizionato dall’ emergenza sanitaria del Covid-19 ed in particolar modo l’azione di ricerca dell’ acquirente è generalmente distinta da due nuove esigenze: il lavoro da casa e la didattica a distanza. Si cerca la casa che possa essere accogliente per il nucleo familiare, e che allo stesso tempo sia in grado di rendere agevole l’ attività lavorativa e di studio. Si guarda anche come elemento fondamentale ad uno spazio esterno ( balcone coperto, terrazza, giardino).

La recente introduzione del Superbonus fiscale del 110% ha creato interesse per cubature esistenti, caratterizzate dalla vetustà e dalla fatiscenza, grazie alla possibilità, per chi usufruisce di tale opportunità, di “calmierare” gli onerosi costi delle opere di messa in sicurezza dal rischio sismico e di efficientamento energetico del patrimonio edilizio. Permane la richiesta di immobili di nuova costruzione o in fase di realizzazione (residenziali, commerciali e direzionali), che per le caratteristiche edilizie possono trovare adeguato riscontro sul mercato. L’ opzione “da ristrutturare” è valutata con molto interesse da parte dell’acquirente, sia per lo sconto in fattura del 50% e le altre detrazioni riguardanti le ristrutturazioni edilizie, che per le novità in ambito di materiali e tecnologie che permettono contenimento dei costi e riqualificazioni fino a qualche anno fa molto onerose o di difficile attuazione.