Portare “la voce e la rabbia” del mondo del lavoro, delle pensionate e dei pensionati, dei precari, della “parte più fragile della società, dentro i palazzi della politica, laddove si prendono le decisioni sul futuro dell’Umbria”.

E’ questo l’obiettivo di “Adesso ascoltateci”, la manifestazione che si è svolta oggi in diverse piazze dell’Umbria collegate tra loro virtualmente.

“Abbiamo scelto di tornare in piazza, nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid, ma con grande determinazione – spiegano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, Vincenzo Sgalla, Angelo Manzotti e Claudio Bendini – perché c’è bisogno che la politica regionale prenda coscienza della gravità della situazione che la nostra regione sta vivendo”.

A Terni, la manifestazione si è svolta davanti alla sede municipale di Palazzo Spada …