“L’anno scorso abbiamo raggiunto un pareggio di bilancio con un mercato molto difficile. Quest’anno è diventato ancora più difficile con volumi molto più bassi, quindi sarà un risultato molto negativo”: lo ha detto l’amministratore delegato di Acciai speciali Terni, Massimiliano Burelli, a margine di un evento, della chiusura dell’anno fiscale 2019-2020, il 30 settembre. “E’ stato un anno particolarmente complicato – ha spiegato – siamo riusciti in tempi relativamente brevi a ripartire dopo la chiusura dettata dalla pandemia, però i nostri due mercati di riferimento, l’automotive e l’industria del bianco, sono molto in difficoltà”.

“Dalla ripartenza – ha detto ancora Burelli – abbiamo lavorato un -45% ad aprile, -35% a maggio, -25% a giugno e luglio, questi presupposti daranno un risultato economico dell’anno veramente negativo. Vediamo comunque dei piccoli segnali per il mese di ottobre che ci fanno ben sperare”.