Nuovo capitolo dello stato di agitazione che vede i lavoratori della Treofan di Terni, impegnati – ormai da più di un mese – in una dura vertenza con la proprietà aziendale in difesa dello stabilimento chimico ternano e delle sue produzioni.

Dopo quello messo in atto ieri al Comune di Terni, le maestranze di Treofan, hanno dato vita, stamane, ad un sit-in davanti Palazzo Cesaroni, sede del consiglio regionale dell’Umbria.

Una loro delegazione si è incontrata con l’Assessore alle Politiche economiche e produttive regionali, Michele Fioroni, che ha invitato il management aziendale “ad una pronta ripresa delle corrette relazioni industriali, che prevedono il confronto con i rappresentanti dei lavoratori al tavolo istituito dal Mise”.

Per Fioroni “il polo chimico è strategico nel sistema produttivo regionale e la Treofan, in qualità di capofila del polo ternano, rappresenta per la Giunta regionale una doppia priorità. Le rappresentanze sindacali – ha spiegato l’assessore umbro -hanno presentato nei tempi pattuiti ai vertici aziendali le loro proposte in merito alla soluzione della vertenza, proposte – ha aggiunto – che meritano di essere valutate con la dovuta attenzione, nel rispetto dovuto anche al sistema Paese e al sistema produttivo regionale”.