“Con la firma presso il Mit, si fissa la ripartizione di 45 milioni di euro (i primi) del Fondo ‘Salva Opere’, istituito da noi lo scorso anno. Il fondo, nato a seguito della crisi Astaldi che ha coinvolto la Quadrilatero Marche/Umbria, ha fatto da apripista ad una norma che tutela le imprese, fornendo così nuovo ossigeno al tessuto lavorativo e imprenditoriale”: lo afferma in una nota il deputato 5 Stelle Filippo Gallinella.

“Nella ripartizione – spiega – sono coinvolte diverse decine di aziende del territorio umbro e marchigiano che hanno lavorato ai cantieri della Quadrilatero. Con questa azione abbiamo messo al riparo i subappaltatori che, senza alcuna colpa, sono stati travolti dalla crisi dell’azienda capofila che aveva vinto un appalto statale. La norma prevede l’accantonamento di una piccolissima quota del valore del ribasso offerto dall’aggiudicatario negli appalti pubblici, che andrà a costituire un fondo destinato ad entrare in gioco in caso di crisi dell’azienda capofila”.