Nuovo intervento della Confcommercio dell’Umbria in questa delicata fase legata all’emergenza sanitaria.

“Le imprese che sono state costrette subito ad attivare gli ammortizzatori sociali in deroga, a causa dell’interruzione dell’attività per il contenimento del contagio da Covid-19 – rileva l’associazione in una propria nota – si trovano già nella settima settimana. Questi strumenti di sostegno sono limitati a nove settimane. Un periodo troppo breve per l’emergenza in corso. Occorre allora – secondo Confcommercio Umbria – prevederne da subito il prolungamento per consentire alle imprese di mantenere gli attuali livelli occupazionali, che potrebbero essere a rischio”.

“Il prolungamento degli ammortizzatori sociali, cassa integrazione in deroga e fondo di integrazione salariale – sottoliena il presidente di Confcommercio Umbria Giorgio Mencaroni – è una condizione imprescindibile per alleggerire questa situazione così drammatica e consentire alle famiglie di poter contare su una liquidità indispensabile per andare avanti”.