“Quello presentato dal Governo, è un Dpcm che oltre a contenere misure discutibili, ha alcune evidenti mancanze e soprattutto imbavaglia le Regioni che possono adottare solamente ordinanze restrittive ma non estensive”: è quanto afferma la presidente umbra, Donatella Tesei, secondo la quale ”non si possono, cioè, allargare le maglie nemmeno tenendo conto della situazione del contagio nel proprio territorio”.

La presidente umbra annuncia l’intenzione di voler sottoporre all’attenzione del Governo un proprio cronoprogramma di riaperture.

Per Donatella Tesei “vi sono settori, così come affermano le associazioni di categorie, non inseriti tra quelli che potranno tornare in attività il 4 maggio e che invece, con le giuste precauzioni sanitarie, avrebbero potuto riaprire”.