“ASM Terni SpA e le OO.SS. in sinergia per fronteggiare la situazione aziendale scaturita dal COVID-19”

Oltre alle misure adottate per garantire al meglio le condizioni di sicurezza dei luoghi e dei lavoratori di ASM Terni SpA al fine di prevenire il rischio di contagio da COVID-19, la Società e le OO.SS. (per il settore ambiente e i settori idrico, gas ed elettrico) hanno sottoscritto due accordi sindacali per fronteggiare l’attuale situazione aziendale che presenta una riduzione delle attività lavorative nei settori richiamati, pur garantendo la continuità e i livelli qualitativi di tutti i servizi.

Tali accordi si basano sui seguenti punti principali:

• Rotazione del personale in considerazione della intercambialità e fungibilità dei ruoli;

• Fruizione per le prossime nove settimane delle ferie residue dell’anno 2019 e dei 6 (sei) giorni di ferie maturati nei primi mesi del 2020 (per quanto possibile il ricorso alle ferie è stato graduato in base al quantitativo posseduto);

• Creazione di un fondo di “ferie solidali” per aiutare i dipendenti senza disponibilità di ferie.

Il fondo è stato creato con l’apporto iniziale di 60 gg da parte del management dirigenziale (10 gg per ogni dirigente);

A tale fondo possono contribuire anche i singoli lavoratori su base volontaria donando al massimo n. 5 giorni di ferie In tal caso l’azienda erogherà un importo di ferie pari a quelle donate dal dipendente.

Le iniziative messe in campo consentono ad ASM Terni SpA di non attivare il ricorso agli ammortizzatori sociali.

In data odierna ASM ha comunicato alle OO.SS. la propria rinuncia al fondo FIS (cassa integrazione).

Un ringraziamento particolare a tutte le organizzazioni sindacali e a tutto il personale ASM che ha contribuito al perfezionamento degli accordi sindacali.