“La sola via per far sviluppare l’industria e l’economia dell’Umbria passa dalla crescita dimensionale delle sue imprese, delle nostre imprese, che è legata in modo indissolubile all’internazionalizzazione. Non dobbiamo avere paura di parlare al futuro”: è questa la conclusione “univoca” per gli imprenditori umbri secondo le parole del riconfermato Antonio Alunni alla presidenza di Confindustria Umbria.

Durante la sua relazione, nella parte di assemblea pubblica che oggi, al Teatro Lyrick di Assisi, ha fatto seguito a quella privata riservata alle aziende associate (con la nomina di Gianluigi Angelantoni alla vice presidenza), il presidente degli industriali umbri ancora per il biennio 2019-2021 ha sottolineato che “le imprese, per crescere, hanno bisogno del lavoro, dell’intelligenza e della creatività di chi le possiede e di chi le gestisce. Hanno bisogno di una visione lungimirante”, ma anche “di un ambiente favorevole all’impresa e all’industria”.