Le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil hanno espresso un giudizio positivo sulla proposta di ricapitalizzazione di Farmacia Terni, avendo condiviso con l’azienda il piano industriale di rilancio del sistema delle farmacie municipali.

“Farmacia Terni – spiegano i sindacati in una nota comune – rappresenta un valore da difendere, è un pezzo importante del welfare cittadino a cui affidare – a loro parere – il compito di ‘farmacia sociale’, così come definito dal piano industriale, non limitandosi alla sola intermediazione del farmaco. La direzione individuata dal consiglio comunale di rafforzare in modo inequivocabile il ruolo pubblico delle partecipate è – sottolineano – quella sostenuta dal sindacato in questi mesi e rappresenta la direttrice su cui lavorare per rilanciare il ruolo delle farmacie, individuando nuove funzioni e nuovi servizi.

Si tratta – per Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil – di un processo di valorizzazione, da sempre rivendicato, che si riscontra nel piano industriale e che presuppone il riconoscimento del ruolo dei lavoratori e delle lavoratrici e la loro disponibilità ad affrontare fasi complesse di riequilibrio economico e organizzativo”.

Per le tre organizzazioni sindacali “lo spirito con cui si affrontano i problemi è il primo elemento di valutazione per superarli. Non servono privati per rafforzare Farmacia Terni – concludono – ma una chiara volontà di riconoscere le potenzialità di questa azienda”.