Il Comune di Cascia introdurrà la tassa di soggiorno da applicare a turisti e viaggiatori che pernotteranno nella città di Santa Rita. A confermarlo è il sindaco Mario De Carolis, dopo l’incontro con gli albergatori e le associazioni di categoria. “Ci vediamo costretti a introdurla – ha spiegato – per consentire di avviare una serie di progetti necessari per la promozione del nostro territorio e migliorare in generale la ricettività”.

La tassa sarà modulata in quattro fasce di prezzo, “si va dai 50 centesimi fino ai 2 euro che la legge prevede per le strutture a 4 e 5 stelle che non abbiamo a Cascia e quindi al massimo si pagherà 1,50 euro a notte”, aggiunge il sindaco che dice anche di essere a disposizione per eventuali “approfondimenti, in particolare sul fronte delle esenzioni. Vogliamo arrivare all’applicazione attraverso un percorso condiviso che faccia proprie anche le istanze mosse dalle associazioni” conclude. Ma intanto arriva il netto “no” di Federalberghi Umbria Confcommercio.