Le rsu di Acciai speciali Terni hanno proclamato quattro ore di sciopero a turno, per la giornata di giovedì, per tutti i lavoratori dello stabilimento, con un presidio che si svolgerà presso la sede della Regione di palazzo Donini, a Perugia.

I delegati sindacali di fabbrica – dicono in una propria nota – ritengono “inaccettabile che a distanza di sei mesi dall’inizio del piano finanziario, ancora non sia stato definito un piano industriale che tuteli complessivamente il sito”.

Ribadiscono quindi “il loro giudizio negativo rispetto a volumi e mix produttivi, livelli occupazionali, investimenti e a ridistribuzione economica finora proposte solo in forma verbale dalla direzione aziendale”. Viene inoltre segnalata la scadenza a fine mese di circa 30 contratti somministrati. Per questi motivi le rsu considerano “prioritario comprendere la reale entità e la chiara locazione degli investimenti finalizzati al miglioramento ambientale”. E valutano negativamente “la mancata convocazione di un nuovo incontro, inizialmente previsto per la metà di marzo, presso il ministero dello Sviluppo economico”.

“Registriamo inoltre, prendendone atto – prosegue la nota sindacale – che ad oggi non si è evidenziato alcun intervento da parte istituzionale e politica, volto a sostenere tale confronto e a ricercare soluzioni di prospettiva condivise”.